Donne, vino e motori.

Il 4 marzo si è svolta alla Cantina Su’entu di Sanluri la manifestazione “Donne, vino e motori”. Si tratta della prima festa delle donne del vino, una rivoluzione nel panorama enologico ambito in cui gli uomini hanno un ruolo preminente da quasi ottomila anni. Oggi le donne sono le nuove protagoniste di un mondo destinato a cambiare e ad evolversi verso un livello di consapevolezza totalmente diverso da quello a cui siamo abituati.

Sono sempre più numerose le donne a capo di importanti cantine e moltissime quelle che si stanno facendo strada per assumere la guida dell’azienda. Anche alla Cantina Su’entu le donne non mancano, anzi rappresentano la forza trainante dell’azienda. Oggi Valeria e Roberta, le figlie del fondatore Salvatore Pilloni, stanno contribuendo a sviluppare il progetto Su’entu portandolo a livelli di assoluta eccellenza.

“Donne, vino e motori” è una sfida ai luoghi comuni e chi crede che le donne siano poco adatte alle attività legate alla meccanica e, soprattutto, al vino.

La manifestazione ha ricevuto un ampio consenso di pubblico e, oltre alla vista in cantina, alla degustazione e alla dimostrazione del processo di imbottigliamento, si è svolto un simpatico gioco che ha visto in palio una Magnum di Bovale Su’entu e altre bottiglie per il secondo e il terzo classificato. Il gioco consisteva nello scrivere alcuni pensieri legati al mondo del vino, e della manifestazione in particolare, quindi “imbottigliarli” durante la dimostrazione di imbottigliamento e quindi “stapparli” e procedere all’estrazione di premi.

Di seguito alcune immagini della manifestazione. Buon vino a tutti.

Lingue >